ARTE

   
Home
Su
Teatro
Cinema
Musica
Arte

In questa pagina vorrei riportare quelli che a mio parere sono i capolavori d'arte che nei miei viaggi mi hanno colpito maggiormente. Accanto ai quadri riporterò anche l'interpretazione dei critici e in alcuni casi anche qualche mio commento.

 

Michelangelo Merisi da Caravaggio

Amor als Sieger

1601-1602 (particolare)

Cupido rappresenta uno dei rari dipinti di soggetto profano realizzati dal Caravaggio dopo il 1600. Amore, qui nelle vesti di un giovane sorridente, si prende gioco di quelli che sono i simboli delle attività che danno agli uomini fama, onore ed importanza e cioè l'astronomia, la musica e la geometria. Il significato del quadro può essere spiegato dicendo che quelle arti sono le stesse che il marchese padroneggia o almeno vorrebbe padroneggiare.

Il Cupido di Caravaggio è la prima opera che voglio introdurre. La visita alla Gemäldegalerie di Berlino diciamo che fu un caso visto che avvenne il 31 dicembre del 2004 poco prima di tornare a casa e prepararmi per la grande serata alla Porta di Brandeburgo. Non sapevo che l'opera era li conservata e fu una straordinaria sorpresa.

Il sorriso del Cupido abbaglia e sicuramente nella maestria di Caravaggio è uno dei suoi lavori che preferisco. Riporto qui sotto un particolare.

 

Michelangelo Merisi da Caravaggio

Incredulità di San Tommaso

1600-1601 (particolare)

In questo quadro Caravaggio ha una percezione così reale del fatto, da immaginare che l’invito verbale di Gesù all’apostolo avesse un suo naturale sviluppo nel gesto pieno di tenerezza del Risorto che prende e guida la mano di Tommaso. E lo sguardo sgranato e teso dell’apostolo sotto la fronte aggrottata segue il dito come se avesse calcolato che il riscontro di due sensi è meglio di uno.
 

San Tommaso, patrono di tutti gli entusiasti che buttano il cuore oltre l'ostacolo, che ci credono a, aiuta quelli che hanno sperimentato sulla propria pelle il fallimento della propria vita. San Tommaso, patrono di tutti gli scandalizzati dall'incoerenza della Chiesa, aiuta chi è stato ferito dalla spada del giudizio clericale a non fermarsi alla fragilità dei credenti ma di fissare lo sguardo sullo splendore del risorto che essi indegnamente professano.